John Cotton Dana

di | 1 Gennaio 2021

Da Wikipedia, l’enciclopedia libera.

John Cotton Dana (nato il 19 agosto 1856 a Woodstock, Vermont – morto il 21 luglio 1929 a Newark, New Jersey ) era un direttore di biblioteca e museo americano che ha cercato di rendere queste istituzioni culturali rilevanti per la vita quotidiana dei cittadini. Come bibliotecaria pubblica per quarant’anni, Dana ha promosso i vantaggi della lettura, è stata pioniera dell’accesso diretto ai materiali archiviati e ha innovato servizi bibliotecari specializzati di tutti i tipi.

BIOGRAFIA

Dana studiato legge al Dartmouth College , dove si è laureato nel 1878. Trasferirsi in Denver nel 1880, Dana superato il Colorado bar e cominciò a praticare. Dana si trasferì a New York e fu ammessa all’Ordine degli avvocati nel 1883. Nel 1885, assumendo l’incarico di redattrice dell’Ashby Avalanche , Dana si trasferì in Minnesota ma si trasferì in Colorado dopo poco tempo. Dana si sposò nel 1888 con Adine Rowena Wagener. Non avevano figli.

A causa della reputazione che coltivava come uomo erudito e dei suoi legami nelle scuole pubbliche di Denver , il sovrintendente Aaron Gove nominò Dana il primo bibliotecario della City. Dana diresse la Denver Public Library dal 1889 al 1898, aprendo la strada al diritto del cliente di aprire gli stack , consentendo loro di navigare da soli invece di avere il personale della biblioteca che interveniva per ogni richiesta. Dana voleva aggiornare le biblioteche e le immaginava come vivaci centri comunitari piuttosto che raccolte di cimeli che attiravano solo un piccolo segmento di persone. Sotto la guida di Dana, la Denver Public Library ha anche aperto la strada alla prima raccolta in assoluto dedicata alla letteratura per bambini. Era personalmente contrario al concetto di storytime, preferendo che la biblioteca dei suoi figli si concentrasse sulla formazione continua degli insegnanti della scuola. Dana era il presidente della Colorado Library Association nel 1895 e servì come presidente della American Library Association nel 1895/96. 

La città iniziò a discutere di abbassare lo stipendio di Dana a causa delle crescenti polemiche pubbliche riguardanti una tassa municipale riscossa per il distretto scolastico e, per estensione, la biblioteca. Dana ha anche attirato critiche per la circolazione di letteratura “bug d’oro” in biblioteca; Il Colorado dipendeva economicamente dall’estrazione dell’argento e il gold standard era una questione politica. Dana ha ritenuto che gli avventori della biblioteca dovrebbero avere informazioni su entrambi i lati della questione. 

Di nuovo ad est, prestò servizio come bibliotecario presso la biblioteca pubblica di Springfield, nel Massachusetts, dal 1898 al 1902, dove continuò molte delle sue politiche a Denver. Uno dei cambiamenti che Dana ha implementato alla biblioteca di Springfield è stato l’edificio fisico stesso. Ha chiesto ai lavoratori di abbattere molte delle ringhiere e generalmente di aprire la planimetria. Dana era fermamente convinta che gli avventori potessero sfogliare le pile: “Lascia che gli scaffali siano aperti, e il pubblico li ammetta, e lascia che gli scaffali aperti colpiscano la nota dominante dell’intera amministrazione. L’intera biblioteca dovrebbe essere permeata di un’atmosfera allegra e accomodante. atmosfera.”  Anche se questi termini non furono inventati fino a quasi un secolo dopo, Dana si preoccupò molto dell’ergonomia efruibilità delle collezioni e delle strutture della biblioteca. Ha lasciato Springfield dopo aver rifiutato di essere coinvolto in una lotta per il potere con gli avventori della biblioteca. 

Dana ha fornito la guida alla Newark Public Library di Newark, New Jersey , dal 1902 fino alla sua morte nel 1929. Ha creato raccolte in lingue straniere per gli immigrati e ha anche sviluppato una collezione speciale per la comunità degli affari. Questo “ramo aziendale” è stato il primo del suo genere nella nazione. Dana fondò l’ Associazione delle biblioteche speciali , servendo come suo primo presidente dal 1909 al 1911.

Dana ha fondato il Museo di Newark nel 1909, dirigendolo fino alla sua morte. Il museo era eccezionale perché includeva prodotti commerciali americani contemporanei come arte popolare e prodotti fabbricati in fabbrica. John C. Dana credeva personalmente che l’acquisto di pittura a olio europea fosse uno spreco di denaro e quindi sostenne i movimenti artistici americani. Non gli piaceva l’arte moderna, ma credeva nel principio di un museo universale e quindi ordinava acquisti di arte associati alla scuola di Ashcan . Nel 1915, ha curato la mostra “Clay Products of New Jersey” dove ha esposto due wc in porcellana di Trenton Potteries , parte del suo lavoro per includere le arti industriali nel museo. Cotton ha anche iniziato la notevole collezione tibetana del Museo di Newark.

Dana ha detto: “Un grande magazzino, facilmente raggiungibile, aperto a tutte le ore, è più simile a un buon museo d’arte di qualsiasi altro museo che abbiamo ancora fondato”. Un biografo ha detto di Dana: “Avrebbe trovato intollerabile un programma scolastico di biblioteca, e senza dubbio una scuola di biblioteca lo avrebbe trovato intollerabile”. 

Continua su Wikipedia…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.