Jean Piaget

di | 11 Gennaio 2021

da Wikipedia, l’enciclopedia libera

Jean Piaget (Neuchâtel, 9 agosto 1896 – Ginevra, 16 settembre 1980) è stato uno psicologo, biologo, pedagogista e filosofo svizzero.

È considerato il fondatore dell’epistemologia genetica, ovvero dello studio sperimentale delle strutture e dei processi cognitivi legati alla costruzione della conoscenza nel corso dello sviluppo, e si dedicò molto anche alla psicologia dello sviluppo.

Biografia

Jean Piaget era il figlio maggiore di Arthur Piaget, docente universitario e di Rebecca Jackson. All’età di 11 anni, mentre frequentava la scuola Latina, scrisse un breve trattato su un passero albino: ed è considerato l’inizio di una brillante carriera scientifica che lo portò a pubblicare oltre sessanta libri e diverse centinaia di articoli.

Nella tarda adolescenza sviluppò un forte interesse per i molluschi, tanto da collaborare part-time con il direttore del Museo di Scienze naturali di Neuchâtel. Ancora prima del termine degli studi i suoi scritti divennero molto noti nell’ambiente dei malacologi tanto che gli venne offerta la cura della sezione molluschi del museo di storia naturale di Ginevra. Dovette declinare l’invito in quanto ancora studente di scuola secondaria.

Nel 1923 sposò Valentine Châtenay (1899-1983) da cui ebbe tre figli.

Dopo la scuola superiore studiò scienze naturali presso l’Università di Neuchâtel dove ottenne anche il Dottorato. Durante questo periodo pubblicò due scritti filosofici, che lui stesso considerava “scritti giovanili” ma che furono importanti nell’orientamento della sua futura attività.

Dopo un semestre presso l’università di Zurigo, nel corso del quale sviluppò un forte interesse per la psicoanalisi, lasciò la Svizzera e si trasferì in Francia. Trascorse un anno lavorando presso l’École de la Rue de la Grange-aux-Belles un istituto per ragazzi creato da Alfred Binet. Qui Piaget, dopo un inizio non entusiastico, effettuò una serie di interviste finalizzate alla standardizzazione dei test di Binet, e rimase progressivamente affascinato dai processi di pensiero che parevano guidare le risposte; decise di rimanere, e nei due anni successivi compì i suoi primi studi sperimentali sull’età evolutiva.

Nel 1921 divenne direttore dell’Institut J. J. Rousseau di Ginevra, presso il quale iniziò le sue ricerche sugli schemi mentali dei bambini in età scolare. Nel 1923 sposò Valentine Châtenay; la coppia ebbe tre figli, Jacqueline, Lucienne e Laurent il cui sviluppo intellettuale e linguistico furono oggetto di studio da parte di Piaget. Successivamente e spesso contemporaneamente fu titolare di diverse cattedre: psicologia, sociologia e storia delle scienze a Neuchâtel dal 1925 al 1929; storia del pensiero scientifico a Ginevra dal 1929 al 1939; psicologia e sociologia a Losanna dal 1938.

Dopo la seconda guerra mondiale divenne presidente della Commissione Svizzera dell’UNESCO. Diresse il Bureau International d’Education (Ufficio Internazionale dell’Educazione) dal 1929 al 1967, e nel 1955 fondò e diresse fino alla sua morte il Centre International d’Epistémologie Génétique (Centro internazionale di epistemologia genetica). Fondò la School of sciences presso l’Università di Ginevra. Nel 1976 ottenne il premio E. L. Thorndike dall’American Psychological Association per i suoi lavori in materia di psicologia dell’educazione e nel 1979 vinse il Premio Balzan per le scienze sociali e politiche.

È sepolto a Ginevra nel cimitero di Plainpalais.

Continua su Wikipedia:

Continua su wikipedia…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.